mercoledì 10 luglio 2013

Troppo peso aumenta rischio emicrania

L’eccesso di peso corporeo è ritenuto una possibile causa di emicrania episodica. Così rivela un recente studio americano

dolore cronico
obesita_cefalea

L’eccesso di peso corporeo tra le cause del cosiddetto mal di testa, o emicrania episodica.

Lo rivela un recente studio condotto dai ricercatori americani del Johns Hopkins University School of Medicine di Baltimora. L’analisi ha calcolato che gli individui obesi presentano un rischio di soffrire di questa condizione pari all’81% superiore rispetto ai soggetti di peso normale.

La probabilità di soffrire almeno 14 episodi mensili del disturbo era decisamente più elevata tra le donne obese e tra gi individui obesi più giovani di età inferiore a 50 anni. Il riscontro rappresenta una ragione in più per mantenere un peso corporeo salutare mediante la pratica dell’attività fisica e la cura dell’alimentazione.

I risultati dello studio verranno presentati al 2013 International Headache Congress americano.

Dati epidemiologici consolidati sottolineano come questo disturbo affligga prevalentemente le donne rispetto agli uomini in un rapporto di 3 a 1 e l’incidenza dell’emicrania episodica sia più elevata tra i 20 e i 49 anni.

Il presente studio ha rivelato l’associazione tra il disturbo e l’obesità non sia solamente per la forma cronica, la quale peraltro interessa solo una percentuale minore dell persone che soffrono di mal di testa, ma sia particolarmente significativa anche per coloro che presentano appunto una frequenza episodica del disturbo. Non solo, il rischio di soffrire questa condizione aumentava linearmente con la gravità del disordine corporeo.

Secondo i ricercatori, alla base del disturbo neurologico vi sarebbe il ruolo svolto da alcuni mediatori dell’infiammazione attivi a livello cerebrale le cui concentrazioni verrebbo innalzate dall’eccesso di depositi corporei adiposi. Inolte, i due disordini potrebbero presentare alcuni pathway patofisiologici comuni. In particolare, il ruolo dell’ipotalamo, il centro cerebrale deputato al controllo dei comportamenti alimentari, è chiaramente implicato nell’insorgenza dell’obesità e ne è stata dimostrata l’attivazione nei processo neurologici che determinano gli episodi emicranici. Il sovrappeso e l’obesità sono, infine, responsabili dell’attivazione di “cascate” infiammatorie e la sovra-produzione di proteine implicate nei processi flogistici e potenzialmente responsabili degli episodi di emicrania. Non può essere esclusa, tuttavia, l’ipotesi per cui l’emicrania sia causa di comportamenti più sedentari in grado di favorire l’obesità.

Author:Lee Peterlin et al.

Source:International Headache Congress 2013. Abstract P170.